venerdì 12 ottobre 2018

Il pane nel fornetto Versilia

La ricetta della mia amica Carla


Vi metto la foto delle fette del pane che ho fatto, che sarebbe il ciambellone che vedete, quì ho utilizzato andando a occhio ciirca 7 etti di farina integrale tipo 2 bio, 2 etti di semola di grano duro (un avanzo di quella che utilizzo per fare la pasta) un po' di semi di lino, un po' di semi di girasole e di zucca, un pò olio evo, acqua del rubinetto, sale molto poco ed un dado di lievito di birra fresco perche mi è morta la pasta madre (sic).....

Per evitare che il pane attacchi ho pennellato bene con olio evo e infarinato molto bene con farina 00, cottura su fuoco di grandezza medio/piccola, fiamma alta 5 mn e circa 1 ora a fiamma bassissisima, utilizzandolo spargifiamma in dotazione alla pentola, per farlo raffreddare la mia esperienza dice che è meglio metterlo su una grata, come in foto!
Io per ragioni di salute prima, e salutistiche ora, voglio mangiare il pane integrale "vero" meglio se con semi di lino, in giro non si trova perchè il pane fatto con la farina integrale non è bello da vedere per cui viene fatto con la farina 00 con aggiunta un po di crusca! E per me non va bene, prima facevo con le stesse dosi il pane cotto poi nel forno ma, hai hai, la bolletta, ora cosi mi sembra che il costo sia praticamente solo quello degli ingredienti otre al mio lavoro (che vale nulla!)









giovedì 13 settembre 2018

Frittata di ceci con cipolle

Tratta dal blog  di Marco Bianchi, per mio uso e consumo, al seguente link: http://www.marcobianchi.blog/2017/03/27/frittata-di-ceci-con-cipolle/

Ingredienti

  • 1 tazza di farina di ceci
  • 2 tazze di acqua tiepida
  • 2 cipolle
  • 3 pizzichi di sale
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 1/2 cucchiaino di curry
  • olio extravergine di oliva

Procedimento

Una ricetta che a casa preparo spessisismo, una versione leggera e sana della classica frittata di cipolle. E’ ricca di proteine vegetali, ha pochissimi grassi e zero colesterolo. E poi contiene parecchio ferro (4 volte di più di un petto di pollo!). La ricetta è tratta dal mio libro Un anno in cucina:
Classica con le zucchine, fagiolini e asparagi o nella versione che adoro, cipolle e curry, è comunque sempre un gran successo. Accompagnatela a spremuta di arancia rossa non zuccherata in modo da assimilare al massimo il ferro contenuto nei ceci!
Prendete una tazza di farina di ceci (una tazza da circa 500 ml è ideale per una frittata per 4 persone e una padella di 25 centimetri) e due tazze di acqua tiepida, e con una frusta di acciaio o un frullatore a immersione emulsionate per bene. Tutta la farina si deve sciogliere nell’acqua senza formare grumi. Aggiungete il sale, il pepe nero, il curry e un paio di cucchiai di olio extravergine di oliva. Mescolate ancora e lasciate riposare per circa una decina di minuti. Nel frattempo prendete le due cipolle e affettatele finemente. Aggiungetele all’impasto e versate nella pentola antiaderente che avrete messo sul fuoco oliata con extravergine. La pentola deve essere molto calda!
Versate, dicevo, e fate cuocere per circa una decina di minuti per lato. Potreste anche optare per la versione al forno: in questo caso non dovrete preoccuparvi di girare la frittata! Tagliate a quadrotti e servite tiepida

martedì 21 agosto 2018

Farro alla siciliana (secondo me)

Ingredienti:

250 grammi di farro, meglio se integrale.
250 grammi pomodorini piccoli tagliati in quattro
200 grammi di formaggio oppure tofu tagliato a dadini
50 grammi di capperi dissalati
un ciuffo di prezzemolo tritato
150 grammi olive snocciolate e tagliate grossolanamente
una bella cipolla rosse 
sale e pepe q.b.
succo di un limone
tre pizzichi di origano e/o basilico fresco
olio e.v.o.

Procedimento
Far cuocere il farro e nel frattempo preparare gli altri ingredienti, tagliuzzando olive, cipolla, capperi,  pomodorini e formaggio (o tofu) e mettere tutto in una insalatiera capiente. 
Condire con olio, limone sale e pepe dopo aver aggiunto il farro cotto e raffreddato.
Aggiungere il basilico fresco e mescolare bene.

Far riposare l’insalata in frigo per trenta minuti prima di servire.


Farro misto a riso nero





venerdì 5 febbraio 2016

Il Golden Milk

Ho trovato molteplici ricette e vari tipi di istruzioni riguardo a questa ricetta chiamata  Golden Milk (Latte d'oro).
Proverò a fare un sunto prendendo le parti che  secondo me sono più giuste.
Specifico che la ricetta è composta da due parti diverse, la prima tratta la preparazione della pasta di curcuma e la seconda la bevanda vera a propria.

Ingredienti per la pasta:
mezza  tazza di curcuma in polvere;
mezza  tazza di acqua; 
mezzo cucchiaino di pepe nero in polvere

Preparazione:
Iniziate a fare a bollire in un pentolino l’acqua, il pepe e la curcuma. Lasciate cuocere i tre ingredienti, mescolate fino ad ottenere un impasto cremoso, non troppo denso, e fate in modo che non si creino grumi. Appena pronta, conservate la pasta di curcuma in un barattolo chiuso in frigorifero (dicono che si conserva per un massimo di 40 giorni....)

Immagine presa da internet
Ingredienti per il latte d'oro:
un quarto di cucchiaino di pasta di curcuma, 
una tazza di latte vegetale (di riso, di soia, di cocco),
un baccello di cardamomo (facoltativo)
un cucchiaino di olio di mandorle dolci (per uso alimentare) oppure ghee
miele a piacere, a seconda dei gusti
cannella in poltere (facoltativa)

Preparazione:
Fate bollire in un pentolino (per circa due minuti) una tazza di latte vegetale con la pasta di curcuma ed il cardamomo (che poi verrà tolto).
Mescolate bene, aggiungete l'olio di mandorle, togliete dal fuoco e versate in una tazza. 
Infine, dolcificate con del miele e guarnite con una spruzzatina di cannella, se vi fa piacere.

Secondo la medicina ayurvedica questa dovrebbe essere una cura della durata di 40 giorni.
Particolarmente indicata  per tutti coloro che hanno problemi alle articolazioni o alle giunture, ottima per la colonna vertebrale dato che lubrifica, aiuta a rompere i depositi di calcio, riduce eventuali infiammazioni e contribuisce a rimuovere le tossine.
Inoltre la curcuma  è disintossicante, soprattutto a livello del fegato, cicatrizzante e antiossidante. Importante è associarla sempre con il pepe che rende la curcuma più assimilabile.



giovedì 26 novembre 2015

Alimentazione in menopausa




Un interessante fascicolo che può essere d'aiuto a tutte le donne che affrontano il periodo della menopausa.










Tratto dal sito http://www.agireoraedizioni.org
Per poter ordinarlo in formato cartaceo al costo di € 0,50 cliccate qui

sabato 18 luglio 2015

RICETTA ZUCCHINE SOTT'ACETO CHE SI TRAMANDA

Copio ed incollo dal blog di Stefania Rossini questa ricetta, che mi sembra molto interessante per chi come me ha esubero di zucchine in questo periodo! Lei a sua volta l'ha ricevuta da una sua amica......La condivisione fa sempre bene!

http://natural-mente-stefy.blogspot.it/2013/06/la-pratica-meglio-della-grammatica.html



"Qui di seguito vi darò la ricetta base , poi da modificare in base alla quantità di zucchine a disposizione , io per esempio per 24 vasetti ho utilizzato 5 volte più della dose base.

-1 litro di acqua 
-300 ml aceto , importante il rapporto 30% di aceto minimo 
-1 cucchiaino di sale fino
-1 cucchiaino di zucchero
-foglie di alloro
-chiodi di garofano
- pepe nero

Fare bollire il tutto.
Nel frattempo lavare e tagliare a quarti o a metà le zucchine , dipende quanto sono grandi .
Quando il tutto bolle , tuffare le zucchine e cuocerle circa 3/5 minuti , cambieranno colore !
Nel frattempo avremo preparato i vasetti ben lavati .

Scolare le zucchine ma tenere il liquido di cottura , con un cucchiaio mettere le zucchine bollenti nei vasi pressare bene , poi vuotarci sopra bollente il liquido di cottura , con l'aiuto di un coltello muovere un poco le zucchine in modo da fare passare il liquido ovunque ... Accertarsi che le zucchine siano ben coperte con il liquido, chiudere con il sigillo e lasciare raffreddare ...etichettare e stoccare in cantina oppure in dispensa!!."



Anche la foto è tratta dal blog di Stefy!






martedì 23 giugno 2015

Mousse deliziosa di Fusine

Ciao, è da tanto tempo che non posto una ricetta.  Però non posso mancare di condividere questa deliziosa ricetta di Sonia dell'Institute of Yogic Culture, che ci ha deliziato il palato durante il Seminario estivo annuale.

Ingredienti:
due parti di ricotta
una parte di yogurt bianco naturale molto ben sgocciolato con una garza per renderlo più denso
sciroppo di grano per dolcificare (oppure malto)
biscotti secchi sbriciolati
una tavoletta di cioccolato fondente tagliata grossolanamente
albicocche secche tagliate a pezzetti piccoli

Preparazione:
Mescolare la ricotta con lo yogurt assieme allo sciroppo.
Vanno prepararti dei bicchierini o delle coppette mettendoci a strati prima uno strato di ricotta, poi con un cucchiaino piano piano si mette un po' di biscotto,  poi uno strato di ricotta, poi una cucchiaiata di cioccolato, poi di nuovo ricotta ed infine le albicocche per decorare.
Si mette il tutto in frigo per alcune ore e si serve fresco.
E' buonissimo!!



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...